10 for the Writers – Episodio 4

10 for the Writers – Episodio 4

Due degli scrittori qui a CIG Santa Monica rispondono alle vostre domande focose sulla Lore di Star Citizen. Dalla minaccia Vanduul alla prima scoperta del Jump Point, tutte le domande relative alla Lore sono accettate. Gli scrittori rispondono a 10 domande scelte tra quelle degli abbonati. Vuoi che la tua domanda venga presa in considerazione? Scopri di più sugli abbonamenti qui.

Trascrizione

Adam Weiser: Ciao a tutti, sono Adam Weiser, uno scrittore associato alla CIG, e questo è un altro episodio di 10 for the writers. Grazie a tutti gli abbonati che rendono questo show possibile. E’ sempre molto divertente venire qui, rispondere alle vostre domande, e oggi si aggiunge a noi…

Cherie Heiberg: Sono Cherie Heiberg, sono l’archivista qui a CIG. Voglio reiterare il ringraziamento a tutti gli abbonati per rendere tutto questo possibile, siete fantastici. Ora.. iniziamo. La prima domanda è da Bjoern Schwartz:

1:02 – Con la somiglianza di nome a Wikipedia, quanti contenuti creati dagli utenti saranno consentiti e quanto verranno curati? Avete pianificato qualche cosa artistica, come le famose foto con lo scout Xi’An o la Retaliator?

Io, personalmente, vorrei tanti contenuti creati dagli utenti una volta che il gioco andrà online. Nella mia visione, gli utenti potranno inviare articoli sui loro successi in-gioco, o osservazioni che hanno fatto sul gioco, e una volta che hanno raggiunto determinati standard di contenuti, potranno essere pubblicati. Io ho questa idea perchè dato che il gioco sarà enorme sarà impossibile curare tutto quanto senza il vostro aiuto, gli abbonati e i sostenitori di Star Citizen. E a proposito della domanda sull’artistico, non è ancora confermato, ma lo dirò comunque qui, vorrei che le cose artistiche ufficiali che produciamo vengano inserite nella galactapedia, come una vera enciclopedia. Intendo, sarà una vera e propria enciclopedia, solamente online. Vorrei anche accettare opere artistiche inviate dagli utenti. Personalmente,  vorrei vedere più immagini artistiche sull’ultima resistenza di Corathol, solo per farvelo sapere, e mi piacerebbe anche vedere più immagini della colonia Orion prima che i Vanduul attaccassero.

AW: Se c’è qualche sostenitore del progetto, così intraprendente e con una vena artistica, Cherie ha appena espresso un desiderio che vorrebbe venisse realizzato.

CH: Ho un sogno!

AW: Adesso andiamo avanti con una domanda da Dargnon:

2:27 – Quando scrivete e progettate i dialoghi, come gestite il fatto che nel 2945, gli umani potrebbero utilizzare un linguaggio leggermente differente? Anche in Inglese, alcune parole, frasi, non ci saranno più, mentre nuovi termini, vocabolario, e nuova grammatica potrebbe comparire.

Sono… 930 anni nel futuro, sappiamo che le cose saranno diverse. Se guardi a come era l’Inglese 930 anni fa, Non so quante conversazioni verrebbero capite oggi. Ne stiamo tenendo conto. Vogliamo creare un gioco che sia capito da tutti. Ovviamente l’Inglese è la lingua principale del gioco, ma abbiamo anche persone che l’Inglese è la loro seconda o terza lingua, quindi, dobbiamo assicurarci che, quando scriviamo delle cose, le persone le capiscano adesso. Quindi, dalla nostra prospettiva, utilizziamo un linguaggio condito solo quando la Lore lo richiede. Pensa a tecnologie come il mobiGlas, le componenti delle navi, cose come queste, il denaro, che è chiamato crediti invece di dollari, il dialogo su Cathcart è diverso, e questa è stata una nostra scelta consapevole, perchè CathCart è un sistema fuorilegge e ha avuto una storia differente dalla UEE, questo è stato un nostro modo per distinguere la lingua e ad aggiungere un po’ di condimento alla ricetta, se sei su un pianeta da qualche parte, e sei in grado di sentire tutto ciò, ti darà un suggerimento sulla loro storia. Per quanto eccitante possa essere, Clockwork Orange, Blade Runner, entrambi utilizzarono un linguaggio mutato e diedero un senso di futuro sul come è cambiato e sul perchè è cambiato,  fare tutto ciò su un livello massivo su tutto il gioco sarebbe estremamente difficile, specialmente perché ci sono anche razze aliene con i loro dialetti e credo quelle abbiano la precedenza.

CH: Non vogliamo che ascoltare gli umani sia come leggere Canterbury Tales al giorno d’oggi. Non è questo l’obiettivo.

AW: Vogliamo che voi vi divertiate, e non che vi scoppi la testa perché non capite niente del linguaggio che abbiamo creato.

CH: Questa è l’idea.

4:47 – Vic chiede: Come gestite eventuali inaccuratezze testuali? Date che non corrispondono o qualcosa che è semplicemente impossibile per il resto della lore… avete una priorità su cosa è da mantenere nel canone?

Abbiamo assolutamente una priorità sul cosa è più importante mantenere. E’ una domanda che capita proprio al momento giusto, poiché la scorsa settimana, Adam si è accorto, che erano state pubblicate alcune inaccuratezze testuali a riguardo di un sistema di pianeti che contraddiva la lore registrata che abbiamo dietro le scene, e abbiamo avviato una discussione tra tutti noi su cosa sarebbe stato giusto tenere. In questo caso, abbiamo deciso che sarebbe stato meglio mantenere la lore interna, poiché un astrofisico ci ha aiutato a svilupparla, e quindi vogliamo che le cose siamo più accurate possibile per voi, e quindi abbiamo fatto questa scelta. Questo è il tipo di procedimento che ci aspettiamo di dover continuamente avviare in futuro, se trovassimo altre inaccuratezze. Nella mia visione, vorrei che la Galactapedia venga considerata l’ultima parola una volta pubblicata, e ho alcune idee su come ce la giocheremo. Rimanete sintonizzati per questo.

AW: C’è tantissima lore, questa è una delle ragioni per cui Cherie è qui, e perché io sono qui, è di analizzare quello che abbiamo intermanete, e quello che abbiamo pubblicato a voi sostenitori, così che possiamo capire quello che abbiamo e in che direzione stiamo andando e tutte cose del genere, questa è la missione, e qualche volta le cose ci scappano di mano. Questo è il motivo per cui siamo qui, come parte del team della lore, è di catturare queste cose, e assicurarci di avere un processo per risolvere questi problemi quando il gioco andrà online, e quando la galactapedia andrà online. Quindi, prossima domanda:

6:36 – Fa-Seeker chiede: Ho sentito che tutta la storia della UEE nell’universo persistente sarà ispirata al declino e alla caduta dell’Impero Romano. L’universo progredirà verso una situazione simile a quella del 3° secolo D.C., un tempo di instabilità e guerre civili che però ha portato alla stabilità per alcuni secoli, o magari si ispirerà ad un periodo tra l’inizio-metà 5° secolo D.C. quando l’impero romano non era più salvabile?

Quindi, si.

CH: Questa è un ottima domanda.

AW: Si è un ottima domanda, e io.. è il motivo per cui l’ho scelta, io amo la storia romana, e amo il fatto che il gioco è ispirato alla storia romana. Detto questo, il gioco non è uno specchio della storia romana. Se lo fosse, sapremmo tutti dove tutto ciò porterebbe.Il gioco ha elementi.. l’Impero Romano ha ispirato diversi problemi sistematici che abbiamo incontrato. Nel riferimento al 3° secolo, Diocleziano ha portato alla divisione dell’Impero, e stiamo avendo qualche discussione se Sol debba rimanere la capitale della UEE o cos’altro.

CH: TerraNova! TerraNova!

AW: Ancora i sostenitori di TerraNova, che debba essere spostata li, una capitale più progressista, ispirato ancora all’Impero Romano. Nel 5° secolo l’Impero Romano è arrivato vicino alla sua fine, con gli assalti di Barbari e Vanduul, e abbiamo i Vanduul che continuamente spingono nel territorio della UEE, questo è qualcosa su cui abbiamo lavorato nel gioco. Nulla vuol far intendere che ad un certo punto i Vanduul prenderanno il sopravvento, e ad essere onesti, questo è il motivo per cui i sostenitori e i giocatori sono qui, per aiutarci a scrivere la storia della UEE, e magari portarla su un binario differente da quello preso dall’Impero Romano. Quindi, ottima domanda, buona ispirazione, ma non andremo a pianificare le cose in anticipo. Stiamo usando la storia per progettare il sistema, configurare i parametri, e questo speriamo aiuti a creare una sandbox divertente per tutti voi con la quale potrete giocare e ottenere qualche effetto curioso.

CH: Influenzate il corso della storia!

Quindi, la prossima domanda viene da Aragorn BG. Qualcuno ha chiesto una domanda simile nella seconda metà, che andremo ad analizzare più tardi, tu hai chiesto:

9:06 – Avete già determinato cosa sarà necessario ad un giocatore per entrare nella Galactapedia? Per esempio, la scoperta di un nuovo punto di salto, di un pianeta, di una specie animale permette a qualcuno di entrarci? E quando un giocatore uccide o cattura un famoso pirata? Quanto famoso deve essere quel pirata?

Questa è una domanda complicata, poiché la determinazione di quanto sia influente un qualcosa è veramente complesso, è come la rilevanza di qualcosa su Wikipedia, ci sono così tanti punti sul perché qualcosa non sia rilevante e sul perché lo sia, ma ogni tanto questa cosa porta alla rimozione di articoli, ma rimanendo sulle cose semplici, si, la scoperta di un punto di salto, di un pianeta, o di un animale sarà sufficiente ad entrare nella galactapedia. Scoperte importanti, questo tipo di cose, valgono sicuramente la pena di essere riportarte. Per la questione del pirata, dovrà essere sicuramente abbastanza famoso, intendo, se abbatti un pirata minore che non ha fatto tanti attacchi, è sicuramente una cosa interessante per il tuo personaggio, ma se il pirata non è molto conosciuto, direi che non verrà archiviata la cosa, ma comunque… ci sono troppi fattori che entrano in gioco, come, quanti sistemi ha attaccato il pirata? ha attaccato qualche sistema? Quante persone sono state attaccate? Questa è la differenza tra l’abbattere un criminale che fa rapine ai supermercati e un criminale che è sulla TOP 40 dei più ricercati del FBI.

AW: Io so che da una prospettiva di pirata, quando gli articoli sulla Lore Builder vennero scritti l’anno scorso, l’anno prima c’era una richiesta da parte degli utenti di creare organizzazioni piratesche differenti, e uno dei parametri più importanti era di rendersi conto del contesto, di quanto è grande l’impero, e che quando stai creando il tuo personaggio pirata, probabilmente non riuscirai a mettere in ginocchio l’intero impero. Prima che ciò accada ti cadrebbe il ‘Verso addosso. Quindi, a questo punto, il sistema dei pirati è un qualcosa nel quale non ci saranno tanti pesci grossi da cacciare, non stiamo dicendo che un giorno non ne creeremo qualcuno, e se lo faremo, stai sicuro che avrai anche tu la tua possibilità, ora come ora, comunque dipende dalla circostanza.

CH: Assolutamente, e, si, come qualsiasi altra cosa nella storia, devi considerare quanto influenzi tutto il resto, suppongo.

AW: Questa è un ottima cosa da considerare

CH: Si

AW: Yeah

CH: Continuiamo.

AW: Ok, prossima! Considerate la storia ragazzi!

11:50 Gundam chiede: La UEE ha un sistema o un area dove effettua i test militari? Se fosse così, è qualcosa che segue la linea dell’Area 51, ovvero un area aperta ma segreta/ad accesso limitato o qualcosa che è completamente sconosciuta alle masse? Ed esiste un nome del posto che potete condividere con noi che non sia un semplice REDACTED?

C’è, ma mettiamola da parte per un secondo. Dunque, abbiamo molti sistemi pianificati. Abbiamo numerose aree designate specificatamente per i militari, alcune delle quali sapete già qualcosa, altre vi diremo in futuro qualcosa, e altre… potreste non venirne mai a conoscenza. Alcune saranno accessibili, potrete visitarle e fare cose li, in altre magari non riceverete un caloroso benvenuto se proverete ad atterrare o ad avvicinarvi al sistema. Detto questo, alcune saranno redacted, per esempio la luna di Odin II, chiamati Vili, che è un luogo di sperimentazione di armi. Tecnicamente, nella lore del ‘Verso, Behring applied tecnologies fa molti test li, per quelli che non lo conoscono andate a leggervelo. C’è un post di guida galattica molto interessante a proposito. Essenzialmente, è il segreto peggio mantenuto del ‘Verso, il fatto che questa divisione di Behring faccia test super secreti con super fantastiche armi militari. Quindi, nonostante sia tecnicamente una compagnia privata, lo sanno tutti che stanno facendo cose relative a componenti militari avanzati. Riguardo a Vili, la luna di Odin II. Puoi atterrare in un posto chiamato la stazione Rawley, non andrai molto lontano a causa della segretezza di quel luogo. Potresti dire dunque, essenzialmente, che sia l’area 51, e sono sicuro ci siano molte voci che parlano di quello che viene fatto li. Potrai magari guidare fino al cancello, ma certamente non verrai invitato ad entrare, e sicuramente non ci sarà molta attività civile. Se sei interessato in questo aspetto del gameplay, ti suggerirei di farci un salto, o di darci almeno un occhiata.

CH: Idea eccellente. Andrò sicuramente a bussare alla porta di una base militare segreta.

AW: Si basta che dici “Ciao, sono qui per un tour”

CH: Sei fantastico, digli semplicemente che sei fantastico e ti faranno entrare. Funziona sempre. Dunque, prossima domanda:

14:34 SwordfishLspear chiede: Ciao, come verrà aggiornata la Galactapedia e la mappa galattica man mano che le scoperte di giocatori (e presumibilmente NPC) di nuovi sistemi, pianeti e altri oggetti di interesse verranno rese pubblico? (pubblico, inteso come vendute/donate ad un bureau informatico ufficiale della UEE)

Beh, quello che voglio, che però non è ancora stato implementato, e ciò su cui andrò a fare enfais, è che il gioco avrà un meccanismo dietro-le-quinte per l’archiviazione delle scoperte. Questo non porterà all’immediata pubblicazione sulla galactapedia certamente, sarà solamente dietro le quinte, così che sappiamo chi ha effettuato la scoperta, chi è stato a quella località, etc… etc… etc…, dunque abbiamo questi numeri interni da comparare quando il giocatore riporta la scoperta. La seconda parte della domanda è se, quando fai scoperte come questa, e nascono oggetti di interesse, tu giocatore sei tenuto a riportare anche la loro scoperta. Mi interessa questa cosa poiché, se stai giocando come pirata, e scopri un punto di salto che non ha mai scoperto nessun altro. Quant’è l’importanza strategica di tenertelo per te e vale la pena scacciare le persone dall’area per fare in modo che nessuno lo scopra a parte te? E se facciamo in modo che lo pubblichi automaticamente sulla galactapedia non ci sarebbe più nessuno segreto.

AW: Un tipo di possibilità strategica veramente interessante, che tu sia in una corporazione cercando di tenere una rotta commerciale migliore, e ci saranno tanti punti di salto la fuori che potranno dare beneficio a diversi giocatori…

CH: Quindi si. La risposta in breve alla tua domanda è che, se fai una scoperta, dovrai riportarla perché venga segnata sulla galactapedia, per ricevere il riconoscimento. Se un NPC fa una scoperta verrà automaticamente pubblicata. Questa è solamente la mia visione personale, questo è quello che voglio che accada, e credo sia la migliore strada per i giocatori e per i personaggi che vogliono diventare.

AW: Ok, alla prossima domanda:

17:01 Nostromo1977 chiede: Ciao scrittori, con l’introduzione di navi mediche, la CIG ha mai preso in considerazione l’idea di creare una lore per il principio di non-interferenza con i servizi medici in tempo di guerra, similmente all’Atto di Protezione della Neutralità Medica della Convenzione di Ginevra?

Abbiamo ricevuto parecchie domande su questo aspetto del gioco, il soccorso medico e cose del genere, ed è veramente interessante. Da una prospettiva di lore, avrebbe senso che la UEE abbia un qualche tipo di trattato con implementata o codificata questa idea, poiché è veramente importante. Detto questi, proprio come nel mondo reale, solo perché l’abbiamo inserito nella lore, non è detto che debba funzionare nel mondo di gioco. Ci sono numerosi altri esempi, anche sfortunatamente recenti, della convenzione di Ginevra che non ha funzionato come previsto in varie guerre civili per il mondo, quindi non credo che i Vanduul necessariamente accetterebbero questa cosa. Penso anche ai molti sistemi fuorilegge che la ignorerebbero.  Ci saranno giocatori o pirati che per i loro scopi, anche in territorio UEE, punterebbero proprio alla divisione medica. Quindi, nonostante sia un’idea interessante, non credo diventerà mai una regola di gioco, o una meccanica. Sarebbe solo una norma morale. Se lo andremo a creare nella lore, potrebbe aiutare a definire le caratteristiche del tuo personaggio con la scelta di aiutarli, di proteggerli, di lasciarli andare o di attaccarli. Quindi, credo che sia un importante aspetto de gioco, ma non credo sarà mai una regola, se attacchi automaticamente qualcosa di brutto accadrà.

CH: Non vogliamo interferire su come andrai a sviluppare il tuo personaggio. Questo gioco è tutto sul come andrai a costruire il tuo universo. La mia ultima domanda:

19:21 Steve Hunter chiede: Potete fare una stima di quanto grande diventarà la Galactapedia una volta arrivati al lancio? Sappiamo sarà grande, ma quanto enorme ve la immaginate?

CH: Grande, larga e enorme è la risposta. Non posso darti una stima al momento ma ti posso dire che avremo una riunione con Turbulent per creare un piano di azione per la Galactapedia questa settimana, molto eccitante, sono veramente soddisfatto di essere arrivato a questo passo. Ci sono molte cose di cui vorrei parlarvi ma non posso. Vorrei anche aggiungere che la grande cosa nel pubblicare tutto questo online è che essenzialmente abbiamo uno spazio illimitato per sviluppare la Galactipedia, il che non indica che sarà infinita, poiché infinito è un numero complesso, non abbiamo limiti…

AW: E’ un concetto filosofico.

CH: Si, un concetto matematico, magari non lo capiamo. Comunque, la vedo molto grande man mano che i giocatori andranno ad influenzare l’universo, man mano che rileviamo più lore, che si espande, la vedo crescere, crescere e crescere. Avremo bisogno di questa crescita.

AW: Si, la nostra lore interna è enorme da un punto di vista di lore e queste sono solo cose che abbiamo creato per arrivare dove siamo ora. Ci sono ancora molti luoghi da analizzare e moltissime cose che accadranno e che verranno giunte quando voi entrerete a far parte dell’universo persistente. Preparare una base per tutto ciò, credo sia un ottimo modo per iniziare a giudicare esattamente quello a cui andremo in contro.

CH: Si

21:01 Kilrathknights chiede: Ciao ragazzi, quanto la scrittura della lore viene limitata dalle meccaniche di gioco conosciute?

AW: Yeah, è un atto di bilanciamento e qualche volta, ad essere onesti, la lore non è limitata dalle meccaniche di gioco conosciute ma molto spesso da quelle sconosciute. Sono le cose… elementi di navi, o armi o mondi che sono ancora nel processo del ricevere l’approvazione finale. Quindi, in situazioni come queste dobbiamo evitare di essere ultraspecifici sui problemi tecnici al riguardo. Da una prospettiva di lore, ci obbliga a concentraci di meno sulle specifiche e magari rimanere di più sulla storia emozionante o sulle specifiche emotive, tutto ciò, da un punto di vista di raccontastorie aiuta abbastanza. Ti permette di realizzare, come sia dal punto di vista emotivo. Per esempio, con la recente vendita della Genesis Starliner, da un punto di vista di lore potresti viaggiare pure verso il sistema Hades, ma poi non c’è nessun luogo di atterraggio perché è un pianeta pirata. Jade ha creato una carta divertente su Hades – “Perché mai vorresti andare li” ed è un easter egg che puoi trovare sulla lista dei voli se lo cerchi.

Grazie per essere stati con noi e vi invitiamo a seguirci anche al prossimo 10 for the writers. Io sono Adam Weiser.

CH: Io sono Cherie Heiberg

AW: Vogliamo ringraziare tutti gli abbonati, sostenitori e persone che ci stanno seguendo. Grazie a tutti voi per il supporto e per essere parte di tutto questo. E’ stato veramente divertente. Dave e Will dovrebbero tornare a breve dalle riprese di Squadron 42, sono sicuro che saranno eccitati di sedersi e raccontarvi quello che sono andati a fare. Sono i veri motori del team della lore, noi siamo qui solamente per proiettare lo spirito con il quale stiamo lavorando.

CH: Siamo importanti anche noi..

AW: Siamo importanti..

CH: Sentiti bene con te stesso.

AW: Lo faccio. Grazie ragazzi per essere stati con noi, ci vediamo la prossima volta.

FINE TRASMISSIONE

Articolo Originale

Trascrizione Originale

Traduzione a cura di: Giuzzilla

Lascia un commento