Empire Report: Arthur Vin Deceduto

Empire Report: Arthur Vin Deceduto

<TRASMISSIONE CONTINUA>

Back Russum: Grazie per il tuo resconto, Geoff. Ricordati però di scuotere la giacca prima di entrare di nuovo nella Herald di Empire Report. Accidenti, parlando di bug(insetti) nel sistema. Quanto saranno stati grandi?

Alan Nuevo: Terrificanti. Non sapevo che gli piacesse mangiare i condotti di luce. E’ stata una novità questa per me.

Beck Russum: Spaventosa però. Non solo casa tua è piena di insetti Nela, ma non funzionano nemmeno le luci. Penso sia tempo di parlare di trasloco.

<Ridono Entrambi>

Alan Nuevo: Buona fortuna a quella amabile coppia. Una vera disgrazia quello che è capitato a casa loro.

Ora, parlando di una storia triste. In mattina, l’amato artista Arthur Vin è passato ad altra vita durante quello che i funzionari dell’ospedale chiamano un intervento di emergenza. Testimonianze riportano che Vin, con i suoi 137 anni, abbia avuto dei problemi respiratori mentre stava cenando alla casa pubblica Rosa a Nova Kiev, uno stabilimento di cui il veterano intrattenitore è stato un fedele cliente fin dal suo ritiro dalla scena pubblica 6 anni fa. Le EMT arrivate sulla scena hanno identificato che il problema è stato un malfunzionamento ai suoi polmoni artificiali. Dopo che un riavvio del sistema ha fallito nell’alleviare i problemi respiratori, il celebre centotrentasettenne venne portato in stato di emergenza al vicino ospedale cibernetico Mercer, dove un gruppo di chirurghi gli ha installato un nuovo set di reni. Sfortunatamente, sembra che il danno era troppo esteso e l’impianto è stato respinto. Arthur Vin è deceduto poco dopo.

La star di oltre 30 video, inclusi classici come “Go Down Easy” e “Any Way But My Way”, Arthur Vin meglio conosciuto per il suo lavoro vocale nella serie amata dai bambini “On Our Own” come il pilota crociato, Rory Nova. La sua frase più famosa, “Questa volta voglio dire che,” è fissata nelle menti di generazioni di fan che sicuramente saranno in lutto per questa perdita. Arthur non aveva figli, ma lascia il suo partner di 52 anni, la famosa celebrità Eli Talloway.

Ci sarà una breve cerimonia privata questo venerdì prima che il suo corpo venga sepolto a Goss, la stella dove nacque oltre un secolo fa. Abbiamo le coordinate sul nostro Spectrum per voi se volete osservare. E’ stato richiesto che tutti i buon auguri e le condoglianze vengano recapitate direttamente alla sua società di gestione patrimoniale, Pitaya & Yos.

Sulla scia di questa sfortunata morte, alcuni di voi si chiederanno, bisogna incolpare i polmoni artificiali per questa deplorevole morte? Per spiegare di più sul motivo e sul perchè ci sia stato un malfunzionamento cibernetico, ecco a voi il guru della medicina di Empire Report, Dottoressa Illeana Byrne  è qui con noi oggi. Bentornata, dr. Byrne.

Dr. Illeana Byrne: Felice di essere tornata, Alan.

Alan Nuevo: Ora, dottoressa Byrne, cosa può dirci su quello che è successo al signor Vin e sul perchè i dottori non sono stati in grado di salvare la sua vita?

Dr. Illeana Byrne: Come molti di voi sapranno, il signor Vin soffriva di IPF, o fibrosi polmonare idiopatica. Da quando aveva 23 anni, a causa di un accumulo di tessuto cicatriziale, i suoi polmoni dovettero venire rimpiazzati. Per andare sul tecnico per un momento, questo è quello che i dottori chiamano un’installazione bilaterale, dove entrambi i polmoni vengono rimpiazzati con versioni artificiali contemporaneamente.

ALan Nuevo: Ma non era il suo unico set di polmoni, corretto?

Dr. Illeana Byrne: Corretto. Non sappiamo quanti set di polmoni artificiali il signor Vin abbia utilizzato negli anni, ma è relativamente comune richiedere il loro cambio e aggiornamento col passare degli anni.

Alan Nuevo: Quindi cosa è andato storto?

Dr. Illeana Byrne: Riguarda il modo in cui il corpo umano interagisce con rimpiazzi cibernetici ed è il motivo per cui non siamo ancora immortali.

Alan Nuevo: Ancora? C’è ancora speranza per me, dottoressa?

Dr: Illeana Byrne: Credo che l’umanità continuerà a fare grandi passi in avanti nel prolungare la vita, ma non credo riuscirò a vedere l’immortalità nell’arco della mia vita. Vedi, per riuscire a interfacciarsi con tutti questi organi cibernetici e artificiali, dobbiamo ancora fare affidamento al nostro sistema nervoso, che, come il resto del nostro corpo, decade e si indebolisce col tempo. E sfortunatamente, le parti cibernetiche possono portare ancora più affaticamento al nostro sistema nervoso, e con il tempo i nervi non sono più in grado di sopportare ulteriori innesti. Questo è quello che probabilmente è accaduto al signor Vin. Il suo sistema nervoso non è stato più in grado di comunicare con l’impianto e non era abbastanza forte per sincronizzarsi con uno nuovo.

Alan Nuevo: Grazie per tutte queste interessanti informazioni. Mi ricorda la vecchia nave che mio zio continuava a provare ad aggiustare. Puoi metterci quante nuove parti scintillanti vuoi, ma se hai uno scafo arrugginito, avrai dei problemi. Sicuramente una cosa da tener presente la prossima volta che sarai ad un centro medico.

Beck Russum: Continuando, parleremo della iniziativa Polo e scopriremo perchè, secondo alcuni, questa proposta controversa, potrebbe portare alla morte della UEE.

Alan Nuevo: Ma prima che ci prendiamo la nostra veloce pausa pubblicitaria, rivisitiamo alcuni dei momenti classici della fantastica carriera ispiratrice di Vin. Ci mancherà.

Articolo Originale

Traduzione a cura di: Giuzzilla

Lascia un commento