Guida Galattica : Sistema Chronos

Guida Galattica : Sistema Chronos

Sinterra (Synthworld)


Nelle zone esterne del’ Impero si trova il sistema di Chronos, che, sin dalla sua scoperta nel 2863, è rimasto avvolto nel segreto di stato ed oggetto di varie polemiche politiche. Secondo le documentazioni ufficiali la 18ª flotta da battaglia  della Marina, allora di stanza nel sistema Kellog, fu la prima a scoprire il sistema Chronos dopo la scoperta di un punto di salto durante un pattugliamento di routine. Tuttavia, vale la pena ricordare che un recente caso giudiziario, Contraly contro l’Unione Imperiale, pone sotto una nuova luce tale scopeta attribuendola al bisnonno di Contraly che scoprì il sistema e  successivamente ne riportò l’informazione alla 18ª, ma gli venne negato il giusto riconoscimento a causa di complicazioni che riguardavano azioni di bracconaggio degli Orm su Xis. Diversi gli storici intervenuti da ambo i lati del dibattito, ma la questione rimane ancora nelle mani del tribunale per una decisione finale.

Qualsiasi sia la verità, il sistema è costituito da una stella di tipo G della sequenza principale, due pianeti inabitabili posizionati molto vicini al sole e null’altro. Con la sua posizione remota e la mancanza di risorse o luoghi abitabili, pochi pensavano che l’Impero avvesse alcun interesse per il sistema, quindi molti rimasero sorpresi quando la UEE ( United Empire of Earth )  affermò la restrizione del sistema ad uso governativo al fine di un suo sviluppo. Quando le navi militari iniziarono ad entrare frequentemente in un sistema vuoto, aumentò la curiosità del pubblico riguardo  quello che stesse realmente accadendo in Chronos.

Per anni, le teorie spaziarono da quelle più assurde come uno strumento per il giudizio universale fino a quelle più ambiziose come una stazione spaziale invisibile. Una teorica dei complotti si spinse presumibilmente fino al punto da imbarcarsi su di una nave militare diretta verso il sistema. Quando più tardi sostenne che non v’era nulla di nascosto, la sua incapacità a scoprire alcunchè di scandaloso fece infuriare i suoi colleghi complottisti ed alimentarono ulteriormente le speculazioni. La teoria accreditata è che l’unica ragione per la quale lei non avesse trovato nulla fosse a causa del fatto che il governo l’avesse messa a tacere con qualche accordo. Coloro che hanno creduto nella copertura della storia si convinsero ancor di più che ci dovesse essere una ragione per la quale la UEE avesse richiesto Chronos per loro stessi.

Ma non fu fino al 2872 che l’Imperatore Corbyn Salehi si fece avanti annunciando formalmente su cosa avesse lavorato il governo. Chronos sarebbe divenuto la casa del progetto Arcangelo, communemente noto come “Sinterra” una gigantesca iniziativa della UEE per costruire un intero mondo artificiale. Dopo secoli di terraformazione di pianeti , l’umanità cercava adesso di crearne uno dal nulla.

Progetto ARCANGELO


Molte cose riguardanti il sistema Chronos lo hanno reso un luogo ideale per questo ambizioso progetto. Innanzitutto la somiglianza della stella al sole del sistema solare che lo rendeva ottimale per la colonizzazione umana. I suoi due pianeti erano rocce desolate, il che significava che l’impresa non avrebbe incontrato alcuna resistenza da parte di popolazioni native, né i decenni di costruzione e sperimentazione avrebbero potuto mettere a rischio qualcuno non coinvolto nel progetto stesso. La mancanza di pianeti al di fuori di Bruder e Schwester permise di posizionare la Sinterra alla distanza orbitale ideale dalla stella. Aveva il vantaggio inoltre di essere un sistema relativamente remoto, che riduceva al minimo le probabilità di visitatori indesiderati e occhi indiscreti.

 

Quando il progetto venne annunciato, rappresentava la speranza di un futuro in cui l’umanità avrebbe potuto creare mondi abitabili senza il rischio di danneggiare altre specie. Innumerevoli trasporti fecero lunghi viaggi per portare le necessarie risorse al sistema, anche se i profitti erano marginali. Gli studiosi ribadirono a lungo su cosa avrebbe potuto significare per l’Impero il successo del progetto Arcangelo. Ia popolazione civile di ogni sistema era eccitata all’idea di un nuovo mondo in procinto di nascere.

Eppure, come iniziarono a passare decenni , la promessa della Sinterra inizio a scemare dal pubblico interesse. Nonostante i miliardi di risorse e crediti spesi, il pianeta non sembrava vicino all’essere completato. Il progetto iniziò ad essere contaminato da scandali di corruzione e superamento dei costi, il chè portò alcuni transizionalisti progressisti a definirlo un “vampiro finanziario”, che stava risucchiando denaro e risorse da progetti più importanti. La Sinterra non simboleggiava più il futuro, lo stava ponendo a rischio.

Oggi, Chronos vede una quantità minima di traffico. I trasporti ancora continuano a portar rifornimenti verso la stazione Arcangelo e percorrono il sistema per le corsie di viaggio designate per l’accesso al sistema Branaugh. A parte questo, ci sono ben pochi altri motivi per ritrovarsi nel sistema Chronos.

Avviso ai Viaggiatori

Anche se la Sinterra si trova in uno spazio illimitato, tutte le attività devono passare attraverso la stazione Arcangelo. Chiunque tenti di accedere alla Sinterra direttamente verrà intercettato dal 18° gruppo di battaglia e gli verrà intimato di deviare la rotta o affrontare disastrose conseguenze .

Ulteriori informazioni non disponibili

CHRONOS I (Bruder)


Posizionato in una orbita stretta intorno al sole Chronos, Bruder sperimenta enormi escursioni termiche superficiali. Minerali metallici sono presenti nella crosta del pianeta, ma il calore intenso ne ha evitato lo sfruttamento da parte della UEE per l’estrazione mineraria ad uso della Sinterra.

CHRONOS II (Schwester)


Schwester è noto per il suo ruolo in uno degli scandali politici più infami della storia della UEE. Nel 2925, un addetta del Senato venne incaricata di creare una relazione per un comitato di revisione indipendente. Venne a alla luce che le strutture adibite alla raccolta e raffinazione che avrebbero dovuto raccogliere i gas serra intrappolati nella densa atmosfera di Schwester  non erano di fatto mai state costruite. A quanto pare un certo supervisore di alto livello del progetto, Ellie Kanis, aveva dirottato i fondi del progetto rimanendo inosservato per anni.L’indignazione pubblica verso Kanis si intensificò ulteriormente quando riviste come la Gazetta di Terra, quantificarono l’importo sottratto su grafici in bella evidenza sulla prima pagina. Per la prima volta, molti nel pubblico furono in grado di capire effettivamente quanti soldi la costruzione della Sinterra veniva a costare all’Impero. Il lento progresso nella costruzione della Terra sintetica ed il disavanzo pubblico crescente spinsero molti all’interno dell’impero a mettere in discussione se il progetto valesse ancora la pena di essere perseguito.

 http://i.imgur.com/hxArt.jpg

CHRONOS III Sinterra (Synthworld)


La caratteristica distintiva del sistema Chronos, la Sinterra , nota anche come progetto Arcangelo, è il tentativo dell’umanità di costruire un pianeta dal nulla. Questa ambiziosa idea ha avuto origine dal comitato Clarke, un gruppo operativo statale  assegnato ad immaginare un “futuro migliore per l’umanità” alla luce del massacro di Garron II. Se l’Impero fosse stato in grado di costruire i propri mondi, non ci sarebbe più stata la necessità di distruggere la vita autoctona che i processi di terraformaione presentavano.

Nella seconda metà del 29 ° secolo, la UEE stava cercando di ridefinire il proprio status nell’universo. Il regime di Messer era stato rovesciato quasi un secolo prima, ma l’avidità e la corruzione ancora infestavano l’interno del governo. In mezzo a questa incertezza, Corbyn Salehi iniziò una serie di riforme imperiali, una campagna per una maggiore apertura e trasparenza di governo, un programma onesto ed ambizioso. Dimostrando di essere anche un uomo d’azione, non solo a parole, Salehi fece propria la proposta più fantastica del Comitato Clarke – una terra sintetica. Credeva che se l’umanità si fosse radunata attorno un progetto comune ed ambizioso avrebbe potuto progredire lasciandosi alle spalle conflitti e differenze che la frenavano.

L’ottimismo di Salehi era contagioso, a tal punto che gli venne permesso di raccogliere il necessario sostegno pubblico e politico. Per decenni, anche dopo non essere più in carica come Imperatore, Salehi e la sua visione venivano sostenute dalla fede della gente nel progetto. Purtroppo, Salehi è morì nel 2922 per complicazioni inaspettate con il suo pancreas artificiale. Senza la sua forte guida, lo sforzo per la Terra Sintetica cadde in disgrazia.

Ad oggi, la costruzione del terra artificiale continua. Gli aggiornamenti sul progetto sono diventati meno frequenti, ma gli scienziati e gli ingegneri del governo dicono di continuare a fare progressi. Molti continuano a detenere la speranza che il  futuro dell’umanità debba ancora emergere da Chronos. Se quindi la Sinterra sia uno dei più grandi successi o fallimenti dell’umanità rimane ancora da decidere.

STAZIONE ARCHANGEL


Questa stazione orbitale è il centro nevralgico per la costruzione della Sinterra. Sede di scienziati ed ingegneri del progetto, è anche la porta d’ingresso per le forniture e le risorse necessarie per costruire il pianeta e mantenere il personale.

Con una quantità costante di carichi mossi attraverso questo settore, in aggiunta alla natura sensibile del progetto, quando non è di pattuglia, la 18ª flotta da battaglia della marina chiama la stazione Arcangelo “casa”. Incluso nella 18ª flotta è il 999° Squadrone di prova. Conosciuto come “Indistruttibile,” questa squadra di elite è famosa per le navi e le componenti sperimentali in fase di collaudo. Il vasto spazio oltre la stazione Arcangelo, non presentando limitazioni di sorta , si è rivelato essere un ottimo settore per sperimentare nuove tecnologie che la Marina spera di incorporare nel proprio arsenale. Sembra appropriato che lo squdrone tecnologicamente più all’avanguardia dell’Impero chiami casa il luogo tecnologicamente più all’avanguardia dell’Impero.

Sentito nel Vento


Troppo a lungo all’Umanità è mancato un obbiettivo comune in grado di ispirare tutti noi ad anelare all’impossibile. Secoli fa, l’idea di che qualcuno potesse mai visitare la luna, meno che mai addirittura lasciare il sistema solare, sembrava solo un sogno irragiungibile. Da allora l’Umanità è andata lontano, ma le nostre ambizioni sono rimaste terrene, è ora di cambiare tutto ciò.
– Corbyn Salehi, Conferenza stampa sull’annuncio della Terra Sintetica, 2872

“Almeno ho fatto qualcosa di utile con quei crediti.”
– Ellie Kanis, tratto da “Lo Scandalo della Sinterra”, 2931

 

Articolo Originale

Lascia un commento