Meet the Devs: Lisa Ohanian

Meet the Devs: Lisa Ohanian

In questo episodio andiamo ad incontrare la nuova coordinatrice della produzione Lisa Ohanian.

James Pugh: Ciao a tutti, sono qui con la nostra nuova coordinatrice della produzione, Lisa Ohanian, Lisa, come va?

Lisa Ohanian: Tutto bene, come stai?

James Pugh: Sto sempre alla grande. Dunque, sono felice che sei salita a bordo. Perchè non ci dici qualcosa su dove eri prima che venissi qui?

Lisa Ohanian: Okay, arrivo da Activision. Fui assunta e da allora ho sempre lavorato nel gruppo di produzione del franchise di Call of Duty

 

James Pugh: Oh, bello. Su quali titoli di COD hai lavorato? Poichè Call of Duty è una gran cosa.

Lisa Ohanian: Si è una gran cosa, un mostro di gioco. Il primo su cui ho lavorato è stato Black Ops 2, il mio preferito.

 

James Pugh: Anche il mio! *batti il cinque*

Lisa Ohanian: E ho lavorato su.. li ho toccati tutti da allora.

 

James Pugh: Hai detto che hai lasciato con Advanced Warfare?

Lisa Ohanian: Si, è stato il mio ultimo. Ho aiutato anche li un po’, Posso dirlo ora, prima che lasciassi anche su Black Ops 3 anche se non ho potuto dire niente al tempo.

 

James Pugh: Ok, abbiamo fatto questa domanda in precedenza, e la riceverai ogni volta. Cosa fai esattamente come coordinatrice della produzione?

Lisa Ohanian: Molto. I miei tre compiti principali per ora sono, lavoro con gli artisti esterni. Dunque abbiamo parecchie cose che diamo in appalto per fare certe parti del lavoro, li riportiamo a casa e le uniamo con i nostri pezzi, quindi interagisco con tutti gli esterni, comprese date di scadenza, atti legali, ottenere appalti e questo tipo di cose, tengo sott’occhio le approvazioni per i contenuti che ci inviano. Lavoro anche molto per la produzione delle navi, lavoro con le scadenze e aiuto anche lo sviluppo dei personaggi.

 

James Pugh: Quindi lavori molto con Steven. Toast. 

Lisa Ohanian: Si

 

James Pugh: Ci hai dovuto pensare per un secondo. Eri tipo, chi è?

Lisa Ohanian: Si, l’ho fatto. Mi ci è voluto un secondo. Ma , è praticamente qualcosa che riguarda il gruppo artistico.

 

James Pugh: Cosa ti ha incuriosito di più riguardo a questo progetto? Poichè venire da Call of Duty è semplicemente…diverso.

Lisa Ohanian: Si leggermente diverso, si. Amo come questo mondo aspiri ad essere aperto e interessante. La cosa che mi piace di più degli MMO nella creazione del mondo sono gli aspetti della vita di un pilota spaziale, puoi essere un pirata, un commerciante, puoi fare così tante cose che non penseresti di farci un gioco, e questo crea un mondo vivo e che respira veramente, amo i mondi come questo.

 

James Pugh: Quindi è l’essere aperto di questo mondo che ti attira, il che è interessante, poichè è l’esatto opposto da dove eri prima.

Lisa Ohanian: O si, è diverso. Call of Duty aveva il suo appeal, ma non aveva… non era questo tipo di gioco.

 

James Pugh: Sei sempre stata appassionata di fantascienza?

Lisa Ohanian: Più fantasy. Sono cresciuta giocando a D&D poichè mio padre era una grande giocatore di D&D. Il mio sesto compleanno è stata una campagna di 20 ore di D&D con alcuni dei miei amici, non mi sono mai appassionata di fantascienza prima della tarda, tarda scuola superiore, inizio college. Qualcuno mi ha parlato di questo western spaziale che dovevo vedere ed ero tipo: non lo so, non mi piacciono i western e non mi sono mai appassionata di fantascienza, ma chiunque abbia visto Firefly potrà dirti che è il migliore show sulla terra, dunque..

 

James Pugh: E da li

Lisa Ohanian: Dopo quello è stato un continuo. Le persone mi dicevano guarda Battlestar, FATTO.

 

James Pugh: Ritorniamo all’inizio. Cosa ti ha fatto entrare nel mondo dei giochi?

Lisa Ohanian: Come ho detto, sono sempre stata una giocatrice da tutta la vita. Come bambina, dicevo magari posso iniziare a giocare a videogiochi, ma non ci ho mai pensato seriamente, dopo il college dovevo decidere cosa fare e ho trovato questo programma per la gestione dell’industria dell’intrattenimento a Carnegie Mellon e sembrava perfetto.

 

James Pugh:  Hai finito il tuo programma di laurea e poi sei andata ad Activision?

Lisa Ohanian: Si ricollega a Star Citizen. Ho lavorato nel team di Diablo III per un estate alla Blizzard, Diablo II è stato uno dei miei giochi preferiti di tutti i tempi, e dopo sono passata ad Activision. Il tizio che mi ha assunto alla Blizzard è lo stesso che mi ha assunta qui.

 

James Pugh: Beh è andata abbastanza bene

Lisa Ohanian: Lo so, il mondo è piccolo.

 

James Pugh: Quale parte di Star Citizen, ora che sei qui, ti interessa di più di tutte, come videogiocatrice?

Lisa Ohanian: Come ho risposto prima, amo l’interattività, e tutta la varietà di cose che puoi fare nel mondo. Man mano che il gioco viene sviluppato, vorrò essere o un commerciante o un politico, voglio avere la mia nave personale, e voglio combattere, ma sono sempre stata più portata per il PVE, voglio essere parte del mondo e avere un influenza, in modo diversi dal semplice sparare a navi di altre persone, anche se sono sicura che sarà molto divertente.

 

James Pugh: Si, mi considero anch’io più una persona da PVE, ed è fantastico come nel mondo che stiamo costruendo sia anche questa una possibilità, dove invece la maggior parte degli MMO a cui si può giocare non si può.

Lisa Ohanian: Si, è quasi un PVP o missioni, non c’è una via unica “fai missioni” come c’è per molti giochi.

 

James Pugh: Ok, prima che te ne vada ho alcune domande a risposta rapida. Pronta?

Lisa Ohanian: Oh dio, lo spero.

 

James Pugh: Ok, film preferito?

Lisa Ohanian: Dr. Horrible’s Sing Along Blog. Non so se conti?

James Pugh: Conta sicuramente *batte il cinque* Videogioco preferito?

Lisa Ohanian: Diablo II

James Pugh: Ok, niente cinque, perchè la risposta corretta è Metal Gear Solid 2, ma ottimo lavoro comunque. Nave preferita in Star Citizen?

Lisa Ohanian: Freelancer

James Pugh: Oh ottima scelta. Ok grazie per essere stata con noi, questa è Lisa Ohanian, io sono James Pugh, e lo sviluppatore qui è stato REDACTED

Articolo Originale

Trascrizione

Traduzione a cura di: Giuzzilla

 

Lascia un commento