MOTORI

MOTORI

I MOTORI

Tutte la prestazione della navicella si basa su una serie lineare di componenti del motore che possono essere aggiornati in migliaia di combinazioni possibili. I piloti potranno trattare i loro sistemi motore come i loro PC, aggiungendo modificatori per aumentare le prestazioni, l’aggiornamento del motore, come se si trattasse di una CPU e persino sovralimentarlo (e rischiare di bruciarlo!)

PRESE D’ARIA: sono i bocchettoni raccogli idrogeno sulla parte anteriore del veicolo spaziale, che lo alimentano raccogliendo l’idrogeno dallo spazio. Gli aggiornamenti alterano l’efficacia e il profilo del veicolo; tanto più efficacemente una nave raccoglie il combustibile più efficienti saranno i motori. La via commerciale è che, a meno che non siano installati contromisure, questo aumenta anche il profilo radar. L’aspetto della nave è anch’esso alterato: i bocchettoni più primitivi sembrano pale da ventilatore, gli altri brillano diversi colori ed intensità man mano aumenta la capacità di calore.

 

MODIFICATORI: sono uno slot generalizzato per qualsiasi tipo di tecnologia che influenza il rendimento globale del motore. L’elenco comprende refrigeratori motoresistemi di scaricomoltiplicatore di velocitàpost-combustorisovralimentatori e altri sistemi simili. Navi differenti possono avere differenti numeri di modificatori in una catena. L’Aurora ha un solo slot modificatore e così un pilota deve decidere tra un post-bruciatore e un dispositivo di raffreddamento… la 300i ne ha due, il pilota quindi ha più opzioni.

Il motore è il nucleo centrale della nave. La potenza del motore varia a seconda del produttore, modello e tipo (tipi includono: Fissione, Fusione, Anti-materia, ecc.) Ogni selezione offre una prestazione base diversa. Esempi di modello di motori: Fusion Generale 3000, Merlin Agena-L, Korolev Atlas III, Suncom Omega.

I PROPULSORI sono alla fine della catena, il punto di uscita fisica del motore. Modificano la potenza complessiva del motore: bruciano a velocità diverse, l’impatto della gamma, aumenta o diminuisce il profilo radar della nave (potresti pagare extra per i propulsori “silenziati” che non emanano una così grande scia di movimento, ecc.) Qui potrete vedere una notevole differenza visiva: ugelli di diverse dimensioni, colori differenti dalla spinta, ecc.
I PROPULSORI sono definiti da due valori; la categoria di SPINTA (TR), che determina la quantità di spinta che è in grado di fornire. Più grande è il numero, più grande e più potente propulsore. Un propulsore di categoria 10 sarebbe utilizzato sui motori principali di un incrociatore, un propulsore di categoria 1 sarebbe un propulsore di manovra su di una RSI Aurora. Normalmente è possibile montare un propulsore di pari o inferiore valutazione, ma non si può attaccare n propulsore di categoria 5 su uno inserto di un propulsore di categoria 3.
La maggior parte delle navi hanno una combinazione di inserti superiori al rateo del propulsore del motore principale in media di almeno categoria 4, ma più solitamente 8 slot di prua con categoria inferiore per i propulsori di manovra e Retro. I propulsori di manovra vengono utilizzati per modificare l’orientamento della nave e regolarne il suo vettore globale di velocità. Propulsori Retro arrestano la velocità delle navi. Spesso un propulsore anteriore montato a prua svolgerà anche compiti di retro spinta.
Il secondo valore importante per un propulsore è il suo livello di ARTICOLAZIONE; Fisso non si muove. I propulsori sul modulo lunare Apollo sarebbero classificati come fissi. Poi ci sono i propulsori snodati; questi sono ugelli rigidi che possono ruotare su uno o due assi. Dopo di ciò ci sono i propulsori flessibili; che possono articolarsi su uno o due assi, ma non sono rigidi. Pensate a questi come gli ugelli su un Harrier o un F-35. Infine ci sono i propulsori vettoriali – che hanno lembi vettore che aiutano a dirigere il flusso di gas di scarico.
A titolo di informativo la Hornet ha un propulsore di 4^ categoria vettoriale sul motore principale, quattro getti di manovra snodati di 2nda categoria (con i prime due con funzione di retromarcia) sulla parte superiore e quattro propulsori snodati di 2nda categoria sul fondo.

Aericolo originale di starcitizen.wikia.com

Traduzione a cura di Grimlinx

3 thoughts on “MOTORI

Lascia un commento