RESA DEI CONTI! “IL DIBATTITO SUGLI OLOGRAMMI” – Showdown! “The Holo Debate”

RESA DEI CONTI! “IL DIBATTITO SUGLI OLOGRAMMI” – Showdown! “The Holo Debate”

RESA DEI CONTI! – IL DIBATTITO SUGLI OLOGRAMMI

showdown

Auto-trascrizione per S & P e presentazione NFSC

EP: 58:96: “Il dibattito sugli ologrammi”

ERIA QUINT: Grazie per essere con noi ad un’altra edizione della “resa dei conti” – dove affrontiamo tutte le questioni che dominano l’impero da due prospettive diverse. Sono la vostra conduttrice, Eria Quint, qui a mantenere l’equilibrio e moderare la discussione di oggi. Con le elezioni appena dietro l’angolo, molte campagne senatoriali hanno, ancora una volta, appostato ologrammi in luoghi pubblici per catturare l’attenzione degli elettori distratti.

Recentemente, le strade di Gemma sono state inondate da ologrammi del candidato Tevariano Suj Kossi, ma non tutti sono stati autorizzati dalla sua campagna. L’auto-proclamato artista visivo satirico Felix Crawford si è diretto per le strade di Gemma per appostare i propri ologrammi di Kossi. Alcuni sostengono che i suoi ologrammi hanno direttamente condotto ad un aumento della retorica anti-Tevariana che recentemente ha inasprito il dibattito pubblico intorno campagna del signor Kossi. Il signor Crawford è qui per spiegare perché ha creato questi ologrammi. Grazie per essere qui con noi, Felix.

FELIX CRAWFORD: E’ fantastico poter essere qui.

ERIA QUINT: Ed è qui per dirci perché dovrebbe essere bandita l’arte di Mr. Crawford, il signor Nori Ryak, un consulente della campagna di Kossi. Benvenuti al nostro show.

NORI RYAK: Salve, Eria. Mi lasci iniziare dicendo che non vogliamo “bandire” l’arte. Ciò che ha perpetrato il signor Crawford è nient’altro che razzismo travestito da arte.

FELIX CRAWFORD: Chiunque può essere un critico d’arte.

ERIA QUINT: Signor Crawford, come descriverebbe questa serie di installazioni?

FELIX CRAWFORD: È una serie di ologrammi interattivi che io chiamo “Una nuova Era di dominanza Tevarin.” Visualizza il signor Kossi e un’immaginaria proposta su come, se eletto, egli elaborerebbe le legislazioni per modificare il nome ufficiale di Jalan in Kaleeth, il nome dei Tevarin per il pianeta.

ERIA QUINT: E non vede come potrebbe essere erroneamente interpretata?

FELIX CRAWFORD: Il mio obiettivo era fare quello che ho sempre avuto lo scopo di fare… di divertire e coinvolgere le persone in una conversazione. La campagna di Kossi ha dominato il panorama dei media su Elysium per mesi. Se verrà eletto, sarà un evento storico per l’Impero. Non farei il mio lavoro se non svelassi il mio parere sulla situazione.

NORI RYAK: Il suo parere è una cosa, ma questo tipo di retorica è pericoloso. Non ho alcun problema se il signor Crawford vuole esprime le sue opinioni, ma lo sta facendo in un modo che infiamma il pubblico travisando grossolanamente la posizione del Signor Kossi su una serie di questioni, che sono in grado di allontanare elettori che altrimenti lo avrebbero sostenuto.

FELIX CRAWFORD: non ho mai supposto che gli ologrammi rappresentino accuratamente il signor Kossi o le sue opinioni.

NORI RYAK: Ma sta fallendo nel farlo sapere alla gente.

FELIX CRAWFORD: Non è vero. C’è un chiarissimo disclaimer attaccato all’ologramma.

NORI RYAK: Che può essere trovato solo se qualcuno si prende la briga di sollevare il mobiGlas. Mr. Crawford può chiamare tutto questo arte, ma somiglia molto di più ad una campagna diffamatoria.

ERIA QUINT: Signor Crawford, alcuni hanno sostenuto che la sua raffigurazione di Kossi è una caricatura della razza Tevarin ed anche profondamente offensiva. Come giustifica queste scelte?

FELIX CRAWFORD: Ascolti, io sono uno scrittore satirico. Non sono qui per essere politicamente corretto. Si tratta delle profonde emozioni, che attorniano questioni, che trovo davvero interessanti. Il fatto che le persone stiano rispondendo fortemente al mio lavoro significa che mi sono imbattuto in qualcosa di reale. Per me, questo è quello che rende questo lavoro un successo.

NORI RYAK: Gli Uffici della campagna di Mr. Kossi hanno ricevuto un notevole aumento di chiamate anti-Tevarin da quando sono comparsi questi ologrammi. Famigerati gruppi anti-Tevarin hanno iniziato anche a picchettare gli eventi della campagna di Kossi. Adesso, il dibattito pubblico è meno incentrato sulle idee politiche del Signor Kossi, e più sul fatto che sia un Tevarin. Queste “opere d’arte” non solo potrebbero compromettere queste elezioni, ma anche la sicurezza della gente comune e dovrebbe essere rimossa.

FELIX CRAWFORD: Suvvia, non posso essere ritenuto responsabile delle azioni di altri. Quello che so è che ciò che continua a suggerire il signor Ryak a me suona molto come censura. Potrei non capirci di politica, ma so che sostenere la fine della libertà di espressione artistica probabilmente nuocerebbe alla campagna del signor Kossi molto più dei miei ologrammi.

NORI RYAK: Non sei preoccupato che a causa dei tuoi ologrammi si possano far male delle persone?

FELIX CRAWFORD: La mia unica preoccupazione era di fare qualcosa di interessante. L’interpretazione che ne farà la gente è completamente fuori dal mio controllo.

NORI RYAK: non c’è nessuna necessità di interpretare il messaggio. È chiaro come il giorno. Non ci sono ologrammi “satirici” su altri candidati. Nemmeno uno deride l’obsoleta iniziativa fiscale di Marigold o la visione di Gracián sul disegno di legge del senatore Polo. Mi domando chi ci sia davvero dietro a tutto questo.

ERIA QUINT: mi scusi, lei suggerisce che un altro candidato sia coinvolto?

NORI RYAK: sto solo dicendo che ci dev’essere una ragione se il Signor Kossi è stato preso di mira.

FELIX CRAWFORD: Sì, assolutamente esisteva una ragione per la quale ho scelto lui. In questo modo avrebbe portato più attenzione al mio lavoro, ed essere qui a questo show è la prova che ha funzionato. Il riconoscimento universale del proprio nome è la cosa più difficile da raggiungere come artista e grazie a tutto questo, ora sono un passo più vicino.

ERIA QUINT: Questo è tutto il tempo che abbiamo a disposizione per questa discussione. Grazie ad entrambi per essere stati qui oggi. Sicuramente si tratta di una questione complessa. Per ulteriori informazioni e per saperne di più sulle elezioni in corso, assicuratevi di farci visita sullo spectrum. Tornate a seguirci anche la prossima volta per sentire entrambe le parti dei dibattiti più difficili, solo su “Resa dei conti”!

Fonte: https://robertsspaceindustries.com/comm-link/spectrum-dispatch/14848-Showdown-The-Holo-Debate

Traduzione a cura di: BinoX

Lascia un commento