Untold Tales – Il Grido senza risposta

Untold Tales – Il Grido senza risposta

In un universo che è infinitamente grande, la realtà non è altro che un velo sottile di infinite possibilità pronto per essere squarciato appena inciampiamo nell’incredibile, nello strano, nel bizzarro. Nuove storie scioccanti emergono ogni giorno, forzandoci ad accomodare il nostro intelletto su cosa è possibile e cosa non lo è, e ridefinire la vera natura dell’esistenza stessa. Queste sono le Untold Tales dell’universo.

Nel programma di oggi, ascoltiamo di un’operazione di ricerca e salvataggio che è stata tutto fuorché normale, in “La Storia del Grido senza risposta”

Sistema Odin. Raggiungendo il cuore del sistema vi sono i pericolosi resti di un pianeta distrutto molto tempo fa, conosciuto solo come Coil (ndt La Spira). Tempeste di energia misteriosa scorrono attraverso le sue profondità, rendendo la navigazione attraverso l’intricato groviglio di polveri ed asteroidi un pericolo per tutti, eccetto per i piloti più esperti. Tuttavia, con la promessa di possibili guadagni, minatori, commercianti e cacciatori di tesori si perdono spesso nella sua rete. E qui entra in scena il team privato di ricerca e soccorso Mulligan’s ERS, specializzato nelle operazioni di settore.

DOTTIE MULLIGAN: Ho iniziato a lavorare a Coil, giorni addietro come parte del team medico per una società di munizioni che stava cercando di aprire un negozio. Tale società non durò, ma il mio tempo nell’area mi ha dimostrato che c’era sicuramente bisogno di un decente equipaggio R&S. Se non fosse stato per le tempeste che divoravano le navi e lasciavano le persone nei guai, ci sarebbero state un sacco di bande desiderose di fare il lavoro da se stessi. L’unica parte difficile era trovarle.

Il Teorico d’Astronomia Tad Yai spiega.

TAD YAI: Mentre il meccanismo dietro alle cosiddette “tempeste elettriche” di Coil è ancora dibattuto tra gli scienziati, una cosa che sicuramente conosciamo sono i loro effetti sulle comunicazioni e sui radar. Le enormi quantità di energia che si formano e si disperdono creano il caos sulla maggior parte dei sistemi  di comunicazione di base – creando scariche ed interferenze nel migliore dei casi, e nei peggiori, interrompendo completamente le trasmissioni.

DOTTIE MULLIGAN: Se vuoi effettivamente raccogliere qualcosa, occorre volare attraverso il Coil. Questo significa fare pattugliamenti e perlustrazioni regolari per essere in grado di rilevare chiunque abbia bisogno di aiuto. Completamente differente da un normale lavoro dove ci sono numerose richieste di soccorso in arrivo e l’unica ragione per cui stai volando è perché eri il soccorritore più vicino. No, qui se vuoi ricevere una richiesta di soccorso devi andare a cercarla. Nel bene o nel male, noi siamo uno dei pochi equipaggi di R&S pazzi abbastanza da farlo.

Fu durante uno di questi pattugliamenti attraverso il Coil che Mulligan ed il suo equipaggio raccolsero un segnale di soccorso proveniente dalla nave Jasmine Bloom.

DOTTIE MULLIGAN: E’ iniziato come un turno abbastanza normale. Un paio d’ore di calma e poi, proprio mentre stavamo scaldando del cibo per la pausa pranzo, il ricevitore si rianimò sibilando. L’AEB di una nave, innescato da una perdita di atmosfera, stava mandando un segnale di soccorso. Sapevamo che dovevamo fare in fretta.

In una perdita di atmosfera, la differenza tra la vita e la morte è separata da un sottile margine di pochi minuti. Il dottore esperto, Dott. Rodney Biggs, spiega.

DOTT. RODNEY BIGGS: La mancanza di ossigeno, o ipossia, porta a lentezza, elevata sudorazione, difficoltà di respiro, confusione. Questo è ciò che rende le perdite di atmosfera così pericolose. Può influenzare molto rapidamente le capacità cognitive di un essere umano così come la loro capacità di proteggersi. Se il problema persiste abbastanza a lungo la vittima finirà per svenire. Senza ossigeno, il cervello, il fegato ed altri organi si danneggiano in modo permanente dopo pochi minuti dall’inizio dei primi sintomi.

DOTTIE MULLIGAN: A volte sei fortunato e l’equipaggio stava già indossando le tute o aveva raggiunto le capsule di salvataggio, ma si possono osservare frequenti casi in cui i poveracci sono svenuti mentre armeggiavano su di un chiavistello o mentre cercavano di mettersi l’elmetto. Anche se sigillate, la maggior parte delle navi hanno della atmosfera di riserva, sufficiente ad evitare la vana inalazione del vuoto per tutto l’equipaggio. In sostanza, quando si hanno delle perdite, prima arrivi meglio è.

Ma non importa quanto veloce Mulligan e l’equipaggio corsero in soccorso, erano condannati ad arrivare troppo tardi… decenni troppo tardi come Colin Fistern, fratello del capitano della Jasmine Bloom, spiega.

COLIN FISTERN: Si era stancata di lavorare in ufficio, e dopo aver perso il suo terzo lavoro dopo pochi mesi, Jasmine aveva comprato un piccolo mercantile su spec. Pensando di potercela fare meglio da sola. Ho cercato di parlarne, ma lei non mi ha voluto ascoltare. Aveva contratti qua e là, ma i suoi arretrati continuavano ad accumularsi nonostante avesse o meno delle consegne da fare. Mi ricordo che stava iniziando ad essere sempre più disperata. Mancava solo qualche settimana prima che Jasmine dovesse vendere tutto quando apprese quanti soldi si potessero fare con i trasporti per Odin. Non importava quanto fosse pericoloso. Jasmine era così. Si diresse verso Odin e quella fu l’ultima cosa che sentii da lei. Fino a questo Marzo, quasi 30 anni dopo.

DOTTIE MULLIGAN: La nave, se potevi ancora chiamarla così, sembrava che stesse galleggiando lì da decenni. Quello che rimaneva dello scafo era stato gravemente bruciato dal Coil, dentro e fuori. Eppure la data del segnale di soccorso mostrava che era stato attivato soltanto 45 minuti fa’. Ci siamo guardati l’un l’altro. Non aveva senso. Che diavolo stava succedendo?

Al nostro ritorno, imparammo che tragica sorte toccò all’equipaggio della Jasmine Bloom —

DOTTIE MULLIGAN: Tagliai attraverso la paratie per dirigermi verso le porte della cabina e lei era lì, la sua mano stava ancora toccando la console…

E scoprire una capsula di salvataggio con un oscuro segreto di famiglia  —

COLIN FISTERN: È stato un tradimento, puro e semplice. Come ha potuto farci questo?

Tutto questo e altro ancora, nel prossimo racconto di Untold Tales.

Fonte:    RSI

Commenti al nostro Articolo

3 thoughts on “Untold Tales – Il Grido senza risposta

Lascia un commento