This Day in History: The First Step Back

This Day in History: The First Step Back

Questo giorno storico in particolare

16 Febbraio 2712

Il Primo Passo Indietro

 

Ci fu silenzio dopo il primo attacco Vanduul del 2681. L’UEE comprese dell’aver a che fare con una specie completamente nuova, a quel punto l’umanità si preparò per qualcosa di nuovo. Nonostante l’esercito si preparò ad una possibile apertura diplomatica, la brutalità dell’attacco sulla Township Dell fu un forte indice sull’avvenire di un secondo attacco ugualmente violento, ma per settimane le forze navali della UEE e dei Marine attesero invano, poiché nulla accadde.

Il ritorno dei Vanduul prese forma con piccoli gruppi d’incursori, composti da una dozzina di navette da combattimento e navi adibite a depredare. Nonostante la schiacciante forza di difesa che li attendeva, i Vanduul attaccarono senza esitazione, e fu questa la prima introduzione etica dei Vanduul sulle forze armate della UEE.

Nel corso degli anni a seguire, l’UEE tentò di carpire questa nuova civiltà, mentre vaghi dettagli gerarchici vennero a fuoco. Il Dr. Arlow Gellis, noto antropologo del tempo, pubblicò uno studio sulle dinamiche sociali dei Vanduul; confrontando i glifi in primo piano sulle navi Vanduul, introdusse quella che poi divenne nota come la teoria del Clan, la quale ipotizzava l’organizzazione dei Vanduul in gruppi autosufficienti e autonomi, più che l’adozione di un governo generale di specie. Con una lunga serie di schermaglie lampo contro i Vanduul, la teoria di Gellis divenne sempre più condivisa, con un crescente pensiero, all’interno dell’Impero, che né la diplomazia diretta e né la guerra vera e propria sarebbe stata utile come mezzo di comprensione tra le due civiltà.

L’opinione comune fu che l’Imperatrice Illyana Messer VI, con le sue forze militari, non fu ostacolata nel suo corso, anzi, l’Imperatrice trovò gli sporadici attacchi su Orion un comodo strumento di propaganda, al fine d’evidenziare il bisogno, da parte della popolazione, della protezione di un Imperatore.

Quando Messer VI nominò il suo più giovane rampollo, Samuel, suo discendente nel 2697, l’Impero prese la minaccia Vanduul con maggiore superficialità, tanto da sembrare più interessato all’utilizzo di tale atto come strumento d’ulteriore tormento, con un’ulteriore sottomissione, verso una popolazione ormai soggiogata.

Nei primi anni del 28° secolo, la personalità del sistema Orion è cambiata a sua volta. Armitage divenne un poligono di prova per i soldati, con mercenari e piloti in cerca di un’occasione di prova del loro coraggio contro questo sfuggente nemico. Le attività commerciali iniziarono ad accettare mercanzie e bottini di guerra, frutto delle battaglie contro i Vanduul (e nei luoghi più remoti, anche cadaveri degli stessi Vanduul), con una crescente attività di scambio comparabile ad una sete di sangue del pianeta. Documenti dell’epoca riportano addirittura la formazione di gruppi di caccia, fini a predare i Vanduul.

Questo periodo di sicurezza, basato sulla potenza bellica, stava per terminare.

“Fa un po’ freddo stasera, credo che l’inverno non sia finito. I bacini d’acqua continuano il loro deflusso per la notte, ma li terrò a basso regime nel caso in cui la temperatura cali. Che altro…Credo che Maura si stia ammalando, e probabilmente la dovremo portare fuori Conrad domani per farla visitare da un medico. Che altro dire. So che probabilmente tu stia sperando fosse un messaggio di perdono, ma non lo è, non lo è ancora.”

Pubblicato il 16 Febbraio 2712 all’ora 18:38; questo fu l’ultimo messaggio civile che lasciò Armitage prima dell’invasione della flotta Vanduul sul sistema. La forza dell’attacco fu la più grande mai contemplata dall’intera popolazione. Navi Capitali su Navi Capitali apparirono nel sistema Orion, scatenando le loro devastanti armi sulla popolazione del posto.

Fu così che iniziò la battaglia di Orion.

La Marina UEE si affrettò ad organizzare le difese, ma il carrier normalmente in servizio nel sistema, fu spostato verso Caliban in rappresentanza di un crescente movimento politico attivista, lasciando lì tre cacciatorpediniere e diverse fregate a gestire l’assalto. La gente del posto si unì alle forze militari, mentre gli esploratori corsero nelle linee retrostanti col compito d’avvisare l’intera flotta UEE.

Le linee della battaglia oscillarono per tre giorni attorno al pianeta Armitage, con il supporto che si precipitò in aiuto nell’immediato. Nonostante le pesanti perdite avute durante il primo attacco, la Marina respinse i Vanduul verso i punti di salto, mentre i Marine combatterono su ogni fazzoletto di terra sulla superficie del pianeta.

Fu allora che la UEE assaporò il primo assaggio di che sarebbe diventata nota con il nome di Kingship. Quasi tremila metri di lunghezza, la nave aliena sminuì tutte le restanti navi della Marina combinate assieme. Le navi dell’avanguardia dell’Umanità , incoraggiate dal prospetto di vittoria, furono troppo vicine, tanto da non sfuggire al loro fato che le portò alla decimazione durante il primo attacco della Kingship.

Ciò che accadde dopo fu storicamente descritto come un massacro. Le forze navali rimaste, fuggirono verso il sistema Tiber nella speranza di creare una sorta di barricata per fermare l’avanzata Vanduul, abbandonando le persone di Armitage al giogo dei Vanduul.

I Vanduul non hanno interessi da perseguire. La Kingship rimase nel sistema per quasi un anno, con i Vanduul che razziavano tutto quello di cui avevano bisogno dai pianeti del sistema, prima che il Clan scomparve nello spazio di loro dominio originario.

I Messer subirono la loro prima sconfitta militare nel corso di cinquecento anni. Le notizie di questa sconfitta e l’inarrestabile terrore ai margini dell’universo, terrorizzò la popolazione. Sembrava che tutti si chiedessero: È solo questione di tempo prima che i Vanduul si spingano ulteriormente nello spazio degli Umani?

Sfortunatamente la risposta fu sì, fu solo questione di tempo.

 

Fonte RSI

Lascia un commento