Star Citizen, AtV: le stazioni spaziali “Rest Stops” dallo studio update del Regno Unito e l’alpha 3.1 live

Star Citizen, AtV: le stazioni spaziali “Rest Stops” dallo studio update del Regno Unito e l’alpha 3.1 live

La grande notizia del momento è ovviamente quella della pubblicazione dell’alpha 3.1 di Star Citizen, con il proprio carico di nuovi contenuti traducibili in inedite e rinnovate armi per le navi e la fanteria, cinque nuove navi giocabili, miglioramenti dell’IA e l’introduzione delle missioni che possono essere direttamente create dai giocatori, solo per citarne alcuni aspetti.

L’ottimizzazione dei contenuti di gioco è stato un altro punto focale della 3.1, anche se non completamente riuscito. Persistono tutt’ora continui crash e lag che accompagnano i giocatori nelle proprie scorrerie spaziali, nonostante i tentativi, in questo caso fallimentari, da parte di Cloud Imperium Games di pubblicare nel giro di pochi giorni la patch correttiva 3.1.1, in quanto la softco ha deciso di ritirarne la pubblicazione dopo un primo prematuro lancio avvenuto nella giornata di ieri che non migliorava la situazione generale di gioco.

Passando al consueto Around the Verse settimanale, in questo numero si è parlato dei progressi nello sviluppo di Star Citizen raggiunti dallo studio nel Regno Unito di Cloud Imperium Games.

Tra le molteplici novità dello sviluppo spiccano senz’altro gli aggiornamenti alla nuova stazione spaziale nota come “Rest Stops”, con esterni, interni e nello specifico gli hangar in una fase di sviluppo pressoché avanzata. Oltre che sulle nuove interazioni con gli oggetti e le rinnovate animazioni dei “mission giver” e venditori, i primi passi verso la distruttibilità degli ambienti, le “death race” e i progressi fatti sulle animazioni della Eclipse e sugli interni della Hammerhead, insieme all’ottimizzazione della UI che nel prossimo futuro dovrebbe richiedere meno risorse hardware lato CPU.

La restante parte dell’AtV è stata dedicata a un aspetto di gioco che potrebbe interessare per lo più i nuovi “cittadini delle stelle” che si sono appena affacciati al gioco, piuttosto che ai navigati piloti spaziali: ovvero il miglioramento all’interfaccia e funzionalità del mobiGlas nella 3.1.

Quest’ultimo non è altro che una sorta di smartwatch futuristico in cui poter gestire il proprio equipaggiamento, navi e missioni; se quindi siete interessati all’universo di Star Citizen e non avete mai sentito parlare del mobiGlas, non mancate di guardare la seconda parte della rubrica Around the Verse.

È tutto, buon weekend…

…and we’ll see you Around the ‘Verse!

 

Lascia un commento